Cookie Policy




de    it
Il tuo browser non è aggiornato!

Aggiornalo per vedere questo sito correttamente.



Aggiorna ora






ISI-banking





ISI-business





ISI-public





WebPOS





News

25 marzo 2015

Circa 2 Minuti di lettura.

Aumento di capitale: CdA delibera linee guida



Il Consiglio di Amministrazione della Cassa di Risparmio di Bolzano, riunitosi in data 4 marzo e presieduto dal Presidente Gerhard Brandstätter e dal Vice-Presidente Carlo Costa, ha deliberato le linee guida del progetto relativo all´aumento di capitale.



Le linee guida prevedono:

• il raggiungimento di indicatori patrimoniali che si collochino ad un livello ampiamente superiore ai minimi regolamentari in modo da assicurare un adeguato rafforzamento anche in chiave prospettica;

• una struttura dell´operazione che tiene conto della recente delibera da parte della Fondazione Cassa di Risparmio che sottoscriverà´ una quota dell´aumento;
• un´offerta con diritto di opzione agli azionisti della Cassa di Risparmio che prevede l´emissione di strumenti anche di natura obbligazionaria convertibili computabili nel patrimonio di vigilanza.

Nei prossimi mesi si terrà l´assemblea della banca che approverà l´ attribuzione di una delega al Consiglio di Amministrazione per procedere nelle attività necessarie a definire i
dettagli dell´operazione che verrà conclusa entro la fine del 2015 a valle dell´ottenimento delle necessarie autorizzazioni da parte delle varie autorità di vigilanza.

Il Presidente Gerhard Brandstätter ha dichiarato: “Stiamo lavorando per predisporre un importante rafforzamento patrimoniale della banca. Stiamo svolgendo le attività preparatorie e dobbiamo seguire un iter articolato di passaggi autorizzativi. Siamo confortati dal fatto che la Fondazione ha già deliberato di aderire garantendo la sottoscrizione di una quota come anche altri partner. Nei giorni scorsi ci sono state notizie di stampa riguardo a possibili ingressi nel capitale da parte di altri soggetti bancari locali ed a questo proposito ritengo opportuno dichiarare che la nostra banca è aperta ed interessata al dialogo con altri soggetti, sia bancari che non, ma che comunque non sono state fatte esplicite richieste a controparti. Siamo confidenti nel riuscire a raggiungere gli obiettivi dell´operazione che stiamo delineando, e ci riserviamo di valutare con attenzione se nei prossimi mesi ci saranno manifestazioni d´interesse da parte di eventuali soggetti terzi analizzando se ci saranno i presupposti e la compatibilità rispetto ai piani della nostra banca.”