Cookie Policy




de    it
Il tuo browser non è aggiornato!

Aggiornalo per vedere questo sito correttamente.



Aggiorna ora






ISI-banking





ISI-business





ISI-public





WebPOS





News

08 marzo 2016

Circa 3 Minuti di lettura.

Cassa di Risparmio approva il progetto di Bilancio 2015



Il Consiglio di Amministrazione, nella riunione odierna, ha approvato il progetto di bilancio d’esercizio e consolidato al 31 dicembre 2015. L’utile netto consolidato contabile è pari a 4,3 milioni di euro. L’utile netto consolidato ammonta invece a 12,1 milioni di euro, se si esclude il contributo ai fondi “salvabanche” e di garanzia dei depositi.



Il Consiglio di Amministrazione ha deliberato, nella seduta odierna, il progetto di bilancio 2015 che sarà sottoposto all’Assemblea dei Soci in programma per giovedì 31 marzo 2016 per l’approvazione.

Significativi, tra l’altro, i seguenti risultati consolidati realizzati:

  • risultato d’esercizio:utile netto consolidato del 2015 a 12,1 milioni di euro se si esclude il contributo ai fondi “salvabanche” e di garanzia dei depositi; utile netto contabile pari a 4,3 milioni di euro;
  • solidità patrimoniale: raggiunta una solida patrimonializzazione ampiamente superiore ai requisiti minimi regolamentari:Common Equity Ratio (CET1) pari a 11,3%, Tier 1 Ratio
    pari a 12,0%, Total Capital Ratio pari a 14,0%;
  • ricavi: in forte aumento i ricavi da servizi sul totale ricavi: incremento +4,4% grazie all’ottima performance del Risparmio Gestito e di quello Assicurativo; la crescita dei ricavi da servizi, che rappresenta uno degli obiettivi principali del Piano Strategico 2015-2019, evidenzia il miglior risultato annuale finora registrato dalla Cassa di Risparmio in questo specifico ambito;
  • costi: realizzata una forte riduzione dei costi operativi grazie alle manovre di “cost saving”, poste in essere dal 2014 e proseguita nel 2015: il Gruppo Cassa di Risparmio è riuscito a ridurre i suoi costi operativi di 5,8 milioni euro (-3,9%), al netto degli accantonamenti per fondo esuberi e del contributo ai fondi “salvabanche” e di garanzia dei depositi istituiti nel 2015;
  • accantonamenti per rischi creditizi: conseguita una significativa diminuzione del trend degli accantonamenti che passano da 343,9 a 50,2 milioni di euro, che riflettono il miglioramento nell’andamento del credito.
  • copertura per rischi creditizi: la Banca mantiene una politica prudenziale, confermando un livello di copertura dei crediti deteriorati pari al 43%, superiore a quello delle banche locali concorrenti;
  • liquidità: la situazione di liquidità della Gruppo Cassa di Risparmio è ampiamente al di sopra degli attuali limiti regolamentari.

Siamo soddisfatti dei risultati 2015, la Banca ha dimostrato di essere capace di invertire la rotta. I risultati confermano le buone premesse della semestrale nonostante l’inaspettato effetto negativo della contribuzione ai fondi “salvabanche” e di garanzia dei depositi, costati al Gruppo Cassa di Risparmio oltre 11 milioni di euro determinando una riduzione dell’utile. Ringrazio tutti i collaboratori per gli sforzi realizzati che ci hanno consentito di raggiungere questi buoni risultati” dichiara il Presidente della Cassa di Risparmio Gerhard Brandstätter.

Continuiamo il nostro percorso. Nel 2015 abbiamo raggiunto gli obiettivi che ci eravamo prefissati in termini di aumento di ricavi e di contenimento dei costi. Abbiamo rafforzato il capitale della Banca raggiungendo indicatori di patrimonializzazione che esprimono una buona solidità. La Cassa di Risparmio continua ad essere il leader di mercato in Alto Adige e nel 2015 questo ruolo si consolida ulteriormente registrando un aumento del numero di clienti a testimonianza della fiducia che ci viene riservata. Nel 2016 e 2017 ci aspettano due anni particolari per il basso livello dei tassi di interesse che comprimono i margini di redditività del sistema bancario. Abbiamo programmato per l’anno in corso una cessione di parte dei crediti in sofferenza per alleggerire il bilancio dal peso dei crediti deteriorati e poter guardare al futuro con maggiore serenità. Andiamo avanti passo dopo passo”, spiega l’Amministratore Delegato e Direttore Generale Nicola Calabrò.