Cookie Policy




de    it
Il tuo browser non è aggiornato!

Aggiornalo per vedere questo sito correttamente.



Aggiorna ora






ISI-banking





ISI-business





ISI-public





WebPOS





News

02 agosto 2016

Circa 2 Minuti di lettura.

Cassa di Risparmio: gli Azionisti approvano il bilancio 2015 e nominano il Consiglio di Amministrazione e il Collegio Sindacale



Nell’ambito dell’odierna Assemblea dei Soci, svoltasi presso l’Auditorium a Bolzano, gli azionisti della Cassa di Risparmio di Bolzano hanno approvato il bilancio per l’esercizio 2015. E’ stato eletto il nuovo Consiglio di Amministrazione con Presidente e Vice-Presidente nonché il Collegio Sindacale. Approvato alcune modifiche statutarie.



Nel corso dell’odierna Assemblea dei Soci della Cassa di Risparmio, tenutasi presso l’Auditorium di Bolzano e alla quale hanno partecipato oltre 800 azionisti, è stato presentato e approvato il bilancio per l’esercizio 2015, il cui progetto era stato deliberato dal Consiglio di Amministrazione della Banca.

Come già comunicato precedentemente, l’utile netto consolidato contabile del Gruppo Cassa di Risparmio di Bolzano è pari a 4,3 milioni di euro. L’utile netto consolidato ammonta invece a 12,1 milioni di euro, se si esclude il contributo ai fondi “salvabanche” e di garanzia dei depositi.

Oltre all’approvazione dei conti 2015, l’Assemblea dei Soci ha eletto per il triennio 2016-2018 il nuovo Consiglio di Amministrazione e il Collegio Sindacale. Al vertice del Consiglio di Amministrazione sono stati confermati Gerhard Brandstätter
quale Presidente e Carlo Costa
quale Vice-Presidente. Inoltre, sono stati confermati, quali Consiglieri di Amministrazione, Nicola Calabrò, Marco Carlini, Sieglinde Fink, Johann Krapf
e Klaus Vanzi
. Quali nuovi Consiglieri di Amministrazione sono stati eletti Aldo Bulgarelli
e Christoph Rainer
.

L’Assemblea ha confermato Martha Florian von Call
quale Presidente del Collegio Sindacale e Massimo Biasin
quale sindaco effettivo e nominato Ugo Endrizzi
come nuovo sindaco effettivo. Come sindaci supplenti sono stati confermati Armin Knollseisen
e Carlo Palazzi
.

Infine, sono state approvate alcune modifiche statutarie e le Politiche di Remunerazione.

Nonostante una congiuntura ancora difficile e una timida ripresa economica, il Gruppo Cassa di Risparmio nell’esercizio 2015 ritorna in attivo. Questo a conferma delle scelte intraprese attraverso un rinnovato spirito imprenditoriale. L’utile netto consolidato ammonta a 12,1 milioni di euro, se si esclude il contributo ai fondi salvabanche e di garanzia dei depositi; l’utile netto consolidato contabile è pari a 4,3 milioni di euro. Siamo dunque riusciti ad invertire la rotta e possiamo essere molto soddisfatti dei risultati conseguiti. Con l’Aumento di capitale abbiamo raggiunto una patrimonializzazione più che solida. Anche il 2016 sarà senza dubbio nuovamente un anno di grandi sfide e di competizioni, in quanto i tassi di interesse permangono ai minimi livelli storici e con margini che quindi si restringono ulteriormente
,” hanno fatto presente il Presidente Gerhard Brandstätter
e il Vice-Presidente Carlo Costa
.

Partendo dal nuovo Piano industriale, l’anno scorso abbiamo intrapreso una serie di misure per disegnare il futuro della nostra Banca. Tra l’altro abbiamo riordinato le attività creditizie, modificato l’assetto organizzativo e reimpostato le attività commerciali. I risultati raggiunti nell’esercizio 2015 si confermano oltre le aspettative. In particolare, vorrei sottolineare l’incremento dei ricavi da servizi, che rappresenta uno degli obiettivi principali per i prossimi anni ed evidenzia, grazie alla performance di Risparmio Gestito ed Assicurativo, il miglior risultato annuale finora raggiunto dalla Cassa di Risparmio in questo specifico ambito
” dichiara l’Amministratore Delegato e Direttore Generale Nicola Calabrò
e aggiunge con uno sguardo al futuro: “Il percorso di risanamento prosegue Per l’anno in corso ci siamo posti l’obiettivo di far scendere in misura decisa la percentuale di crediti deteriorati, cedendo una parte dei crediti in sofferenza, per poter guardare al futuro con maggiore serenità
.”