Cookie Policy




de    it
Il tuo browser non è aggiornato!

Aggiornalo per vedere questo sito correttamente.



Aggiorna ora






ISI-banking





ISI-business





ISI-public





WebPOS





News

23 dicembre 2015

Circa 3 Minuti di lettura.

Concluso con successo l’aumento di capitale della Cassa di Risparmio di Bolzano



Venerdì 11 dicembre alle ore 16.00 si è conclusa con successo l’operazione di aumento di capitale varata il 27 ottobre scorso raggiungendo e superando i target patrimoniali.



Grazie alle sottoscrizioni raccolte, la Banca supera i livelli prefissati in termini di ratios patrimoniali raggiungendo un livello di Cet1 di 11,20% ed un livello di Tier1 di 11,94% (contro un target dichiarato ad avvio dell’operazione rispettivamente pari al 11,17% ed 11,89%).

Questi valori sono ampiamente superiori ai livelli regolamentari e permettono alla Banca di realizzare le sfide del piano di sviluppo 2015/2019.


Questo risultato è frutto della maggiore contribuzione rispetto agli obiettivi della componente azionaria che complessivamente si è attestata a 204 contro l’obiettivo di 202 mln di euro.

La parte obbligazionaria (Additional Tier1) dedicata agli investitori istituzionali ha raggiunto un ammontare di 45 mln di euro in linea con le stime.

Per quanto riguarda la parte complementare, che non rientrava fra gli obiettivi di natura patrimoniale poiché non avrebbe accresciuto i ratios di capitale (rappresentata dalle obbligazioni convertibili Tier 2 che potevano essere sottoscritte in abbinamento con le azioni), la Banca ha seguito le indicazioni delle autorità di vigilanza limitandone il collocamento ai soli soggetti che lo hanno richiesto esplicitamente e disponevano di particolari caratteristiche in materia di profilo di rischio. A tale proposito di registra un collocamento di 0,4 mln di euro.

È da sottolineare anche l’importante contributo dei nuovi investitori istituzionali che complessivamente hanno sottoscritto ca. 40 mln di euro.

La sottoscrizione da parte di questi soggetti (Fondazione Cariplo 20 mln di euro, Eurovita Assicurazioni 10 mln di euro, ISA 3 mln di euro, Tiroler Sparkassen 2 mln di euro, Banca Sella Holding 1,7 mln di euro, Sparkasse Offenburg/Ortenau 1 mln di euro, F.lli Lunelli S.p.A. 0,8 mln di euro, Kärntner Sparkasse 0,8 mln di euro) è avvenuta dopo che questi hanno sottoposto le operazioni al vaglio di organi tecnici che hanno dovuto valutare la situazione della Banca, il piano di sviluppo e le condizioni economiche dell’offerta.

La Fondazione Cassa di Risparmio di Bolzano, alla quale va il ringraziamento per la fiducia ed il supporto, ha partecipato all’aumento sottoscrivendo complessivamente 178,2 mln di euro come già dichiarato alla vigilia dell’operazione.

I piccoli azionisti hanno contribuito con 32 mln di euro e questo risultato viene giudicato positivamente tenendo conto che le sottoscrizioni sono state effettuate seguendo regole molto severe per rispettare le procedure concordate con la CONSOB per rispettare le normative in materia di propensione al rischio ed alle limitazioni sulle concentrazioni degli investimenti. Il numero dei piccoli azionisti ammonta ora a 26.300 contro i 23.900 di fine 2014.

Il Presidente Gerhard Brandstätter
ha dichiarato: “La Banca realizza un importante risultato, che è il frutto di tanti mesi di duro lavoro. Abbiamo dedicato un grande impegno per questa operazione effettuando tanti incontri informativi sul territorio e cercando di spiegare in maniera chiara le condizioni economiche di quest’operazione. Siamo convinti che la Banca possa ora guardare al futuro con serenità e possa dedicarsi al raggiungimento degli obiettivi economici del piano quinquennale. L’aumento di capitale rinsalda il legame con la Fondazione ed il nostro territorio e ci ha permesso di far entrare nuovi investitori che saranno al nostro fianco per realizzare le sfide future. Ringrazio tutti coloro che hanno dimostrato di avere fiducia nella nostra Banca, che giocherà un ruolo sempre più importante come primaria istituzione finanziaria del territorio.”

L’Amministratore Delegato e Direttore Generale Nicola Calabrò
ha dichiarato: “Siamo molto soddisfatti, tutte le nostre persone, che ringrazio per il grande sforzo, si sono impegnate per realizzare un’operazione basata sulla trasparenza. Il risultato è il frutto di un meticoloso lavoro di preparazione con le autorità di vigilanza durato oltre 5 mesi per essere sicuri di poter lanciare un’operazione costruita con grande cura ed attenzione ai profili normativi. Siamo sicuri che oltre al risultato numerico che va oltre i target patrimoniali prefissati, la nostra Banca abbia centrato l’obiettivo di convincere il territorio di essere sulla buona strada. Una particolare soddisfazione viene anche dall’esito delle attività svolte con gli investitori istituzionali che ovviamente utilizzano criteri molto selettivi nell’effettuazione degli investimenti e questo risultato dimostra l’apprezzamento per la banca e la credibilità delle strategie.”

Risultati in sintesi

Ratios patrimoniali

Target

Risultato

CET 1

11,17%

11,20%

TIER 1

11,89%

11,94%

Struttura operazione e risultati

Target

Risultato

Equity (Azioni)

202 mln €

204 mln €

Additional Tier1

44 mln €

45 mln €

Azionisti

2015-10-27

2015-12-11

Numero complessivo

23.900

26.300