Cookie Policy




de    it
Il tuo browser non è aggiornato!

Aggiornalo per vedere questo sito correttamente.



Aggiorna ora






ISI-banking





ISI-business





ISI-public





WebPOS





News

16 novembre 2015

Circa 3 Minuti di lettura.

La Cassa di Risparmio sempre più vicina alle esigenze della clientela



Tre le novità in arrivo:

1. Nuovi desk territoriali per le decisioni in materia di credito,

2. Nomina del nuovo Responsabile Servizio Crediti
3. Ripristino dell’operatività nelle filiali tutti i giorni lavorativi della settimana rinunciando alla chiusura pomeridiana del giovedì.



1. Nuovi Desk territoriali in materia di credito

Dopo alcuni mesi di preparazione la Banca ha deciso di irrobustire ulteriormente le strutture territoriali competenti per le decisioni creditizie.

Infatti, già in primavera di quest’anno erano state create nuove strutture dedicate all’analisi del credito che operano in un’ottica di presidio locale con l’obiettivo di raggiungere il corretto equilibrio tra le esigenze di decentramento nonché vicinanza alla clientela, e una prudente politica di presidio dei rischi.

Ora è stato compiuto un ulteriore passo decisivo. D’ora in poi le attività di istruttoria per clienti privati e per la gran parte della clientela aziendale, fino ad oggi svolta a livello centrale, saranno demandate alle strutture di periferia. In questo modo l’intero processo creditizio diviene più snello e veloce, permettendo di evadere un maggior numero di richieste in minor tempo.
“Con il rafforzamento dei ‘desk territoriali’ la Banca conferma di perseguire l’obiettivo di avere un contatto più diretto con la clientela rafforzando i team dedicati a singole aree geografiche che potranno comprendere sempre meglio le situazioni specifiche locali. Si potranno, inoltre, esaminare ed evadere in minor tempo un maggior numero di richieste di credito e dare risposte tempestive, esaudendo le aspettative di una clientela che chiede alla nostra Banca di essere più veloce nei tempi di lavorazione delle pratiche. Questo ci permetterà di svolgere in maniera più efficace il nostro ruolo di ‘Banca del territorio’,”spiega l’Amministratore Delegato e Direttore Generale Nicola Calabrò.

2. Nuovo Responsabile Servizio Crediti

Nell’ambito di tale riorganizzazione la Banca ha nominato il nuovo Responsabile del Servizio Crediti. Ernst Summerer assume la responsabilità di questa struttura strategica, subentrando a Hansjörg Kreiter, al quale saranno attribuiti altri importanti incarichi all’interno dell’Istituto.

Ernst Summerer ha percorso la sua intera carriera bancaria in Cassa di Risparmio, acquisendo importanti esperienze sia nella Rete di Vendita, sia nella Direzione Generale. Infatti, ha lavorato per dieci anni presso la filiale di Piazza Walther a Bolzano, passando poi al Servizio Crediti della

Direzione Generale. Successivamente è stato Consulente Corporate in Val Pusteria per quattro anni, per poi tornare, come Responsabile Centro Esame Credito Centrale, al Servizio Crediti.
“La Cassa di Risparmio premia una persona con un grande bagaglio di esperienza in questo settore. Una persona del nostro territorio che conosce molto bene la Banca e che potrà dare un importante contributo al rinnovamento della struttura crediti. Sono soddisfatto di poter premiare una professionalità di valore,”spiega Nicola Calabrò e aggiunge: “Si tratta di un passaggio generazionale importante, in un ruolo chiave e strategico per la nostra Banca.”

3. Ripristino attività “full-time” nelle filiali

La Cassa di Risparmio ha deciso di ripristinare l’operatività “full-time” nelle filiali tutti i giorni lavorativi della settimana per rispondere al meglio alle richieste ed esigenze della clientela. Con decorrenza giovedì 19 novembre prossimo sarà quindi reintrodotta la normale apertura e operatività delle filiali, abolendo la chiusura settimanale pomeridiana del giovedì. “La clientela ci chiede di poter trovare le filiali aperte tutti i giorni della settimana e ci siamo resi conto, dopo l’esperienza della chiusura infrasettimanale, che questa scelta aveva portato a non realizzare i benefici attesi e rappresentava per i clienti una complicazione”, spiega Nicola Calabrò.