Cookie Policy




de    it
Il tuo browser non è aggiornato!

Aggiornalo per vedere questo sito correttamente.



Aggiorna ora






ISI-banking





ISI-business





ISI-public





WebPOS





News

26 ottobre 2015

Circa 4 Minuti di lettura.

Parte l’aumento di capitale



Domani, martedì 27 ottobre, la Cassa di Risparmio di Bolzano parte con l’aumento di capitale. Il periodo dell’offerta si concluderà venerdì 11 dicembre. Prezzo dell’emissione fissato a 10,00 euro. Facoltà di sottoscrizione di nuove azioni in abbinamento con sottoscrizione di obbligazioni convertibili subordinate.



L’operazione prevede l’emissione di massime 26.964.960 nuove azioni della Banca per un controvalore massimo di 269.649.600 euro con facoltà di abbinamento con obbligazioni convertibili subordinate decennali e/o obbligazioni convertibili subordinate perpetue. I sottoscrittori possono essere persone fisiche e soggetti aventi sede in Italia nonché controparti qualificate*.

Principali caratteristiche

Il prezzo di offerta unitario è pari:

– a 10,00 euro per ciascuna nuova azione con uno sconto del 20% rispetto al prezzo di riferimento (12,50 euro),

– a 12,50 euro per ciascuna obbligazione subordinata decennale,
– a 100.000,00 euro per ciascuna obbligazione subordinata perpetua.

Il periodo di offerta va da martedì 27 ottobre 2015 a venerdì 11 dicembre 2015. Non sono previste proroghe a tale termine.

Obbligazioni subordinate decennali convertibili

Si tratta di obbligazioni subordinate convertibili in azioni ordinarie della Cassa di Risparmio di Bolzano, del valore nominale unitario di Euro 12,50 ed emesse al 100% del valore nominale. Esse avranno un tasso d’interesse nominale annuo lordo del 3% e una durata decennale (21 dicembre 2015 – 21 dicembre 2025), salvo la possibilità del rimborso anticipato da parte dell’emittente.

Obbligazioni subordinate perpetue convertibili

Si tratta di obbligazioni subordinate perpetue convertibili in azioni ordinarie della Cassa di Risparmio di Bolzano, del valore nominale unitario pari a 100.000,00 euro ed emesse al 100% del valore nominale. Esse avranno un tasso nominale annuo lordo del 5,5%.
Tali obbligazioni, per la loro complessità, sono dirette a controparti qualificate.

Diritto d’opzione

Ad ogni azionista è stato accreditato un diritto d’opzione. Ciascun diritto di opzione potrà essere utilizzato alternativamente per:

– sottoscrivere nuove azioni della Banca; in questo caso le azioni sono offerte nel rapporto di 2 nuove azioni ogni 3 diritti d’opzione posseduti con arrotondamento per difetto;
– sottoscrivere nuove azioni della Banca e, in particolare, obbligazioni subordinate decennali o obbligazioni subordinate perpetue. Sarà offerta una nuova azione ogni 2 azioni possedute in abbinamento alla sottoscrizione di 2 obbligazioni della Cassa di Risparmio di Bolzano S.p.A. subordinate convertibili decennali per ogni 15 azioni ordinarie possedute. Il lotto minimo di diritti esercitabili in opzione è pari a 30 azioni oppure alternativamente 1 nuova azione ogni 2 azioni possedute in abbinamento alla sottoscrizione di 1 obbligazione della Cassa di Risparmio di Bolzano S.p.A. subordinata convertibile perpetua per ogni 60.000 azioni ordinarie possedute.

Negoziazione dei diritti d’opzione

I diritti di opzione potranno essere ceduti a terzi nel corso del periodo di offerta. La Cassa di Risparmio raccoglie le richieste di compravendita aventi a oggetto i diritti di opzione nei giorni di apertura al pubblico delle filiali dalle ore 8:00 alle ore 16:00. L’asta si svolge dopo le ore 16:00 di lunedì, mercoledì e venerdì lavorativo a partire dal giorno di inizio dell’offerta e fino al 4 dicembre 2015.

Statement di Presidente e Amministratore Delegato

Il Presidente Gerhard Brandstätter dichiara: “L’aumento di capitale che proponiamo, è indubbiamente significativo: lo abbiamo individuato guardando con grande senso di responsabilità al futuro, per riaffermare la solidità e le prospettive della Cassa di Risparmio. Il prezzo a cui le azioni verranno offerte, può rappresentare un’opportunità per partecipare a un aumento di capitale di una banca che dopo aver affrontato anni difficili, è oggi pronta a ripartire.

L’Amministratore Delegato e Direttore Generale Nicola Calabrò dichiara: “Affrontiamo il futuro con la consapevolezza di poter contare su buone basi di partenza: il primo semestre 2015 si è chiuso con risultati positivi realizzati grazie all’incremento dei ricavi da servizi, a un’incisiva azione sui costi e una buona crescita della raccolta gestita. Si è trattato di un impegno intenso, portato avanti con determinazione. Continueremo con grande responsabilità questo percorso di profondo e radicale rinnovamento della Cassa di Risparmio.”

Piano industriale 2015-2019 – Principali obiettivi

La Cassa di Risparmio ha intrapreso un percorso di ridefinizione del proprio modello di business per affrontare con successo ed in maniera solida le sfide future dello scenario economico e di mercato. La Banca che può contare su oltre 200.000 clienti fidelizzati e sul forte supporto dal territorio di riferimento opera nelle aree più attraenti del Paese, dove è ben radicata. Nell’orizzonte 2015-2019 con il nuovo ed ambizioso Piano Industriale la Sparkasse si pone l’obiettivo di diventare Banca commerciale a 360°, redditizia e con profilo di rischio pienamente diversificato.

L’approccio strategico è basato sui seguenti pilastri:

– Banca commerciale a 360°

– Valorizzazione ed utilizzo selettivo della multicanalità per l’acquisizione di clienti

– Costruzione di un modello operativo innovativo ed efficiente

– Riduzione dei costi

– Rafforzamento del presidio dei rischi, della solidità patrimoniale e della posizione di liquidità

– Rinnovamento della squadra manageriale

Grazie a tali iniziative strategiche la Cassa di Risparmio prevede il raggiungimento al 2019 un utile netto di 45 mio di euro, con ROE (ritorno sul capitale) al 6,5%.

*controparti qualificate sono di norma investitori istituzionali come banche, assicurazioni, società d’investimento ecc.