Cookie Policy




de    it
Il tuo browser non è aggiornato!

Aggiornalo per vedere questo sito correttamente.



Aggiorna ora






ISI-banking





ISI-business





ISI-public





WebPOS





News

23 settembre 2017

Circa 2 Minuti di lettura.

La Cassa di Risparmio vende l’area ex Frizzera





La Sparkasse – Cassa di Risparmio di Bolzano, tramite la controllata Sparim, ha firmato un contratto preliminare di vendita per l’area ex Frizzera di Trento a favore della Mak Invest – Gruppo Mak Costruzioni di Lavis – che procederà ad acquisire definitivamente l’area entro la fine del 2017.

L’area, di superficie pari a circa un ettaro e mezzo, benché situata su via Brennero, ad un passo dal centro di Trento, è connotata da diverso tempo da un elevato stato di degrado che il Gruppo Sparkasse, divenutone proprietario da meno di un anno, si è attivamente impegnato a risanare.

La dismissione dell’area ex Frizzera costituisce un passo importante nel completamento della procedura di liquidazione della Raetia SGR che la deteneva attraverso il fondo immobiliare Katikia 1 riservato ad investitori qualificati” spiega l’Amministratore Delegato e Direttore Generale di Sparkasse, Nicola Calabrò . “Il nuovo management di Sparkasse, azionista di riferimento della Raetia SGR, si è infatti assunto l’onere di portare a compimento, nell’interesse di tutti i soggetti a vario titolo coinvolti, il processo liquidatorio della SGR avendo acquistato l’area a fine 2016 tramite la controllata Sparim per avviarne e favorirne la riqualificazione ” conclude Calabrò.

Da quando ne siamo diventati proprietari, abbiamo attivato un tavolo tecnico con l’Amministrazione trentina al fine di condividere tutti i passi necessari per la messa in sicurezza e per le demolizioni delle strutture esistenti che prenderanno avvio una volta ultimate le operazioni di sgombero ” spiega il Direttore di Sparim, Ferruccio Ravelli . “Parallelamente, abbiamo gestito una serie di trattative con diversi operatori, locali e non, interessati all’acquisizione dell’area, individuando nel Gruppo Mak Costruzioni di Lavis un soggetto imprenditoriale che potrà portare a termine la valorizzazione del compendio, restituendolo così alla cittadinanza trentina ” conclude Ravelli.